NOI CI SIAMO!


Pubblicato il 25 ottobre 2020

A distanza di poco più di 7 mesi dobbiamo, nostro malgrado, fare un secondo comunicato in merito alla chiusura dei nostri impianti e dello sport!
Nonostante sia scientificamente dimostrato che lo sport sia sinonimo di salute, benessere e prevenzione, il nostro settore, sin dall’inizio dell’emergenza COVID-19, è stato dapprima fortemente limitato ed in seguito chiuso. Continuiamo ad essere vessati da una cattiva informazione e, da oggi, costretti ad un secondo blocco, che paralizza la maggior parte delle attività sportive.

Nelle palestre e nelle piscine, infatti, non ci sono solo i fruitori di sala pesi o nuotatori, ma tantissime altre attività come fitness, pallanuoto, nuoto sincronizzato, ginnastica artistica, karate, judo, danza e tanto altro ancora!

Chiudere palestre e piscine significa mettere in ginocchio il 90% delle attività sportive!
Non di meno il risvolto economico di chi fa dello sport il proprio lavoro: sono migliaia i collaboratori sportivi che, di nuovo, si devono fermare ma non si fermano le tasse e le spese di tutti:
- Affitti e mutui di casa;
- Affitti e mutui dei centri sportivi;
- Rate di prestiti in corso;
- Bollette di acqua, luce e gas;
- Contributi;
- Tasse da pagare;
- Canone di macchine a noleggio o rate di macchine di proprietà.
E’ scandaloso come il Governo, relativamente al comparto sportivo, stia gestendo questa emergenza ma, come dimostrato durante il corso di questa ultima settimana, i focolai non nascono e non si sviluppano nelle palestre o nelle piscine come le nostre, anzi è proprio qui che ci sono i maggiori controlli!

Mascherine, igienizzazione degli ambienti decine di volte al giorno, termo scanner facciali, sacche monouso per contenere gli zaini negli armadietti, dispenser con soluzioni idroalcoliche ovunque, queste sono solo alcune delle misure che abbiamo adottato.

Da marzo ad oggi, nonostante le difficoltà, abbiamo investito cospicue somme per riorganizzare la struttura, sanificare con ozono, igienizzare e dare il massimo della sicurezza ai nostri frequentatori ed a chi ci ha dato fiducia in questa difficile ripresa. Abbiamo rispettato tutte le linee guida ed i protocolli emanati per contrastare la diffusione del Covid-19.

Nonostante tutto ciò e nonostante tutte le ingiuste, contrastanti ed inverosimili scelte del governo, NOI CI SIAMO e continueremo ad esserci!

Siamo dell’opinione che sport non debba essere fatto a distanza ma da domani saremo online con le lezioni per dare un servizio e non sparire/morire nell’anonimato di un altro lockdown (perché di questo si tratta) che porta il mondo dello sport, della gioia e del divertimento ancora più a fondo.

Noicisiamo_Verona-min